DSC_0059.jpgDSC_0189.jpgDSC_0152.jpgDSC_0058.jpgDSC_0084 2.jpgDSC_0054 1.jpgDSC_0057.jpgDSC_0188.jpgDSC_0082.jpgDSC_0202.jpgDSC_0044 1.jpg

Reproducible Research

Che cosa è la Reproducible Research? [1]

  • Reproducible research permette al lettore dell'articolo scientifico di replicare autonomamente l'intera analisi.
  • Fa uso del paradigma Literate Programming (inventato da Donald Knuth) per combinare i dait di input, il codice sorgente, la descrizione literate delle procedure adottate e dei risultati conseguiti (tabelle, grafici, ecc.) in un documento unico che, al contempo, descrive e riproduce l'analisi.
  • Come regola generale, si può dire che un articolo segue i dettami della Reproducible Research se l'autore fornisce al lettore tutte le informazioni necessarie per replicare l'analisi di cui parla.
    • i dati (raw) originali
    • metodi ed algoritmi esaurientemente descritti
    • i metodi possono essere riprodotti
    • l'analisi può essere estesa ad altri dataset indipendenti

La reproducible Research può essere di aiuto, ad esempio [2]:

  • nel riprodurre nuovamente figure e tabelle nelle revisioni del report, ricreando i primi risultati del lavoro anche negli ultimi stage della ricerca;
  • nel permettere ad altre persone, che vogliono fare ricerca nel medesimo settore, di ripartire facilmente dall'attuale stato dell'arte, invece di spndere tempo e risorse per cercare di capire, leggendo gli articoli , che cosa è stato fatto e come;
  • perchè semplifica il confronto tra metodi nuovi e metodi esistenti ed i risultati possono essere comparati più facilmente, essendo più sicuri dell''implementazione del lavoro.

Fonti: [1] [2]

"m. calderisi @ chemiometria.it", used under a Attribution-NonCommercial-ShareAlike license
joomla template by a4joomla
Privacy Policy